Tradizioni e Curiosità

La Gerusalemme che non ti aspetti: L’ elettrizzante mercato Mahane Yehuda

Viaggi- La Gerusalemme che non ti aspetti: L’ elettrizzante mercato Mahane Yehuda

Se siete alla ricerca di nuovi sapori, piatti etnici e cibo di qualità, a Gerusalemme, fuori dalla città vecchia tra i vicoli del coloratissimo mercato Mahane Yehuda si concentra una ricca fonte di proposte gastronomiche provenienti da tutto il mondo ma soprattutto tutti i sapori del Medio Oriente, i colori e le tradizioni.

A popolare l’ elettrizzante mercato detto anche “shuk” della capitale israeliana, vi sono oltre 250 negozi e ristoranti: si va dalle gallerie di design ai banchi di fiori, dai Tapas Bar spagnoli alle piccole birrerie artigianali, fino ai rinomati locali dove assaggiare curiosi piatti a base di salsa di mango e curry tipici dell’Iraq.

Lo shuk offre un grandissimo assortimento di prodotti ed è caratterizzato da un ambiente multicolore, particolare che prende vita sia dalla merce venduta sui banconi che dalla grande affluenza di persone. I clienti del mercato vengono da ogni angolo di Gerusalemme e rappresentano l’intera società israeliana: askenaziti, sefarditi, religiosi, laici, ricchi e poveri, ma anche tantissimi turisti. Al mercato tutti sono uguali, tutti stretti uno all’altro mentre cercano di farsi largo tra le caotiche stradine del mercato.

Ma da qualche anno a questa parte il mercato non è solo per le compere, infattii folle di cittadini e di turisti raggiungono questo mercato durante il giorno per gustarne l’autentica atmosfera ed ovviamente per fare la spesa, ma una volta che i bottegai chiudono, arrivano i festaioli, anch’essi turisti e cittadini per bere e divertirsi nei bar, nei ristoranti e nei colorati vicoli. 
Lo shuk non ha mai un giorno di riposo, e se è in cerca di una serata veramente eletrizzante, allora giovedì è il momento giusto. Per  gli abitanti, si tratta dell’unica sera durante la quale si può uscire tranquillamente, senza pensare di doversi alzare per il lavoro il giorno successivo, quindi bar e ristoranti sono aperti fino a tardi, organizzando feste ed ospitando eventi che riversano sulle  strade. 

Anche se sembra ieri il tempo in cui lo shuk era solo un posto per fare le compere, ed al massimo prendere un boccone veloce in qualche piccola trattoria locale, nel corso degli ultimi 5 anni circa il numero di bar e ristoranti alla moda è salito vertiginosamente, così chiusi i  negozi si aprono le danze poco fuori la Città Santa, in un luogo tutto da scoprire che fonde sapori antichi e gusti moderni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *