Comunicati

Primo laureato in Italia in Intelligence e analisi del rischio all’ Università della Calabria

INTELLIGENCE, IL PRIMO LAUREATO IN ITALIA E’ ALL’UNIVERSITÀ’ DELLA CALABRIA Nel corso di laurea interdipartimentale in intelligence e analisi del rischio.

Questo pomeriggio all’Università della Calabria è stato proclamato il primo laureato in Intelligence d’Italia. La commissione di esami del Corso di Laurea in intelligence e analisi del rischio, presieduta da Mario Caligiuri e composta da Maria Mirabelli, Anna Maria De Bartolo, Mario Caterini, Spartaco Pupo e Concetta Carnovale, ha conferito il titolo a Francesco Filippo Cinnirella, maggiore dell’Arma dei Carabinieri. Cinnirella ha discusso una tesi su “La globalizzazione e la crisi regolativa dello Stato”, con relatrice Maria Mirabelli, ottenendo la votazione finale di 110 su 110. Il Corso di laurea in Intelligence e analisi del rischio è stato istituito, primo in Italia, nell’a.a. 2018-19 con il concorso dei Dipartimenti Cultura Educazione e Società diretto da Roberto Guarasci, del Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Energetica e Gestionale diretto da Leonardo Pagnotta e del Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche diretto da Alfio Cariola. Questo percorso di studi, si aggiunge al Master in Intelligence che, anch’esso primo in Italia, è stato creato nel 2007 con il sostegno del Presidente emerito della Repubblica Francesco Cossiga. Proprio oggi sono scaduti i termini di presentazione delle domande della terza annualità del corso di laurea in intelligence e analisi del rischio che hanno superato quelle dell’anno scorso, con il doppio delle domande rispetto ai 20 posti messi a disposizione. Nel frattempo è in corso anche la presentazione delle domande per il Master di secondo livello in Intelligence i cui termini scadranno invece il 30 ottobre 2020. Com’è noto, nel corso degli anni l’Università della Calabria ha promosso percorsi di formazione scientifica, centri studi, collane editoriali, siti internet, fino a promuovere anche la costituzione della Società Italiana di Intelligence che si prefigge di far riconoscere l’intelligence come settore scientifico disciplinare nelle università italiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *