Società

EUROPA DELLE BANCHE O DEI POPOLI? Parere di un cittadino amante della LIBERTA’

EUROPA DELLE BANCHE O DEI POPOLI?

di Antonio Marchetti

Europa si Europa no, essere o non essere, questo è il dilemma, la commedia ancora non è finita. L’Europa che ci dà la curvatura della banana, la lunghezza del cetriolo e della zucchina, quanto cacao nel cioccolato, il materiale che deve avere la tavoletta del wc quanti semi deve contenere un pisello ecc. ecc. (QUESTA EUROPA NON MI INTERESSA.) l’Europa che vorrei è una Europa di stati indipendenti per prima cosa dalla B.C.E. stati che per creare infrastrutture nei loro territori non debbono indebitarsi con la B.C.E. stati dove i loro cittadini non devono andare negli altri stati a cercare lavoro perché i loro stipendi sono troppo bassi e le tasse troppo alte, caso mai liberi di viaggiare come turisti e per ampliare la loro cultura. L’Europa che vorrei è una Europa di stati, indipendenti, uniti da regole economiche paritarie in special modo quelle fiscali e quelle sul lavoro dei cittadini, regole che devono premiare il lavoro, sia come produttività, qualità e sopra a tutto responsabilità, questo si potrebbe ottenere togliendo la tassa sul reddito in special modo la aliquota crescente, distribuendo le tasse al mercato in modo di regolare i consumi, la produzione, mantenere equilibrata l’inflazione e evitare bolle speculative. Pur troppo questa non è L’Europa dei popoli ma dei magnati della finanza della guerra, della droga e dei vaccini. I popoli ricevono la moneta dalla B.C.E. la quale la crea dal nulla, chi la riceve poi dovrà restituirla con gli interessi, la mala gestione politica dei paesi membri fa sì che il debito aumenta in continuazione e per sopperire a ciò questi bravi politici Maldestri e incapaci, aumentano le tasse ai loro cittadini, mettendo così in crisi l’economia dei loro paesi, dalla quale scaturisce la svendita dei capitali e delle migliori attività industriali e i magnati del potere economico si stanno comprando i territori e le ricchezze del nostro paese e del mondo, conquistati con il sangue e il sudore versato dai nostri avi. L’Europa che vorrei è una società unita per la difesa, per la giustizia, per la pace e la divulgazione della democrazia nel mondo tramite la cultura e non con le armi come è accaduto e ancora accade, CHE CON LA SCUSA DI PORTARE LA PACE E LA DEMOCRAZIA sfruttano altri popoli e le loro ricchezze (VEDI PAESI AFRICANI E ALTRI). L’articolo 241 della costituzione punisce con la pena dell’ergastolo o un minimo di dodici anni a chiunque direttamente o indirettamente sottopone il territorio dello stato o parte di esso alla sovranità di uno stato straniero e a chi menoma la sovranità e l’indipendenza, compie un delitto verso la personalità dello stato, la sovranità monetaria, è parte integrante della sovranità statale e come tale non può essere ceduta. Avrei ancora molto da dire, ma forse quello che io penso, potrebbe sembrare una utopia, perciò non voglio annoiarvi oltre. IL DEBITO PUBBLICO. Uno stato che ha la sovranità monetaria e stampa moneta a debito per costruire infrastrutture, per ampliare servizi allo scopo di mantenere efficiente lo stato, bonificare il territorio per evitare malattie create dal diffondersi di veleni a causa di una enorme massa di rifiuti anche tossici, arricchirlo con parchi verdi e opere d’arte, costruzioni statali e private, crea tanto lavoro e benessere per i cittadini, tanta ricchezza e capitali che in pratica il debito si trasforma in ricchezza e si annulla automaticamente. Le tasse servono per controllare la troppa inflazione determinata dalle bolle speculative e mantenere il giusto equilibrio di produzione, esportazione e importazione del mercato. L’Europa così concepita o si trasforma in un vero stato europeo al servizio dei popoli europei o come accade a tutte le dittature è destinata a fallire. (PARERE DI UN CITTADINO AMANTE DELLA Libertà.) La furbata finale prima hanno incominciato a creare la crisi economica, poi invece di spendere miliardi per le bonifiche dei territori, creando lavoro utile e proteggere la salute dell’umanità dai veleni (=virus) si sono inventati i vaccini, cosi i miliardi se li mettono in tasca alla faccia degli imbecilli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *